GIORNO DI MERCATO

restauro – 2012

Dal Cine Foto Club Belluno alla Belluno Ciak, 50 anni di distanza, ma una passione unica: il cinema.
Realizzato nel 1964 da Luigi Fontana e Ivano Pocchiesa, il documentario “GIORNO DI MERCATO”, ripreso in formato 8 mm, montato e sonorizzato dagli autori,
viene presentato a Torino al Festival della Federazione Nazionale Cineamatori nel luglio 1965, e viene premiato con il “Fotogramma d’Oro” per aver “proposto con efficacia alcuni aspetti di vita cittadina”.
Questo lavoro dedicato alla vita di una Belluno di quasi cinquant’anni addietro, recuperato e restaurato dall’Associazione Belluno Ciak, viene oggi riproposto al pubblico con la sua
carica di immagini irripetibili, situazioni, personaggi e tanti ricordi… (Ivano Pocchiesa)

IL CINE FOTO CLUB BELLUNO 1960
Il Cine Foto Club Belluno si costituisce a Belluno nel 1960, e sarà il primo circolo di questo tipo a vedere la luce in città. La sua attività (presidente Ivano Pocchiesa e vice Luigi Fontana) ebbe inizio nella sede dell’Enal (ente nazionale assistenza lavoratori) in via Ricci a Belluno.
Qualche anno dopo il Club aderisce alla Federazione italiana dei cineclub (Fedic).
L’attività associativa, svolta in varie sedi (via Ricci, Circolo Manin, e Tavernetta del Caffè Manin), oltre all’illustrazione e dibattito dei lavori dei soci, prevedeva anche la presentazione e conoscenza dei lavori di altri club analoghi, con cicli di proiezioni e coinvolgimento del pubblico cittadino. A queste proiezioni vennero via via affiancate rassegne di film dedicati ai più importanti autori della “settima arte”, ai film sperimentali e ad alcuni dei più importanti lavori delle scuole documentaristiche del tempo.
Parallelamente, sin dall’inizio il Circolo realizzava iniziative espositive di gruppo, come quella su “La figura Umana”, organizzata in collaborazione con l’Associazione Artigiani, allestita nella “Saletta” dell’Albergo Cappello. Il Cine Foto Club Belluno fu anche uno dei primi circoli in Italia ad organizzare proiezioni sonorizzate di diapositive che vennero allora ospitate in varie sale della provincia.
Famoso rimane il “Concorso nazionale per diapositive di montagna”, organizzato sotto l’egida dell’allora Ente Provinciale Turismo, che ebbe come presidente di Giuria Bepi Mazzotti, e l’onore del debutto con proiezione pubblica ad Agordo, in occasione del Centenario della sezione locale del Cai, alla presenza del ministro Spagnolli.